Declinazioni

a cura di Antonio D’Avossa

Artisti: ARMANDO MARROCCO – GIOVANNI FAVA

Data:    16 maggio – 21 giugno 2015

Inaugurazione: Sabato 16 Maggio ore 18

La Ellebi Galleria d’Arte presenta sabato 16 maggio “DECLINAZIONI”, una mostra a due voci raccontata attraverso il linguaggio creativo di Armando Marrocco e Giovanni Fava.

La rassegna, curata da Antonio D’Avossa, e’ la prima di una serie di esposizioni che ha come scopo quello di approfondire la ricerca di artisti appartenenti a generazioni diverse.

 

Scrive D’Avossa nel catalogo: “Armando Marrocco e Giovanni Fava divisi da una forma visiva del fare pittura e scultura assolutamente differente si incontrano invece in quella pratica dello scavo del processo visivo nella sua forma primaria. Originaria e non primitiva, questa forma attraversa l’intera opera di Armando Marrocco e, da un’altra postazione, quella della scrittura in particolare, fonda i lavori e la ricerca che Giovanni Fava porta avanti da qualche anno.

In realtà, Armando Marrocco dalla fine degli anni Cinquanta ha sviluppato un vero e proprio sistema di investigazione nei confronti della superficie pittorica così come nei confronti dei materiali utilizzati per la costruzione di questa superficie e della sua analisi. L’articolazione attivata da Marrocco, lungo il suo intero percorso,  può essere considerata un’ indagine verso superficie e materie, colori e luoghi, linee e punti, che rinviano sempre alle sue radici mediterranee e che tuttavia si arricchiscono della sua visiva (e vissuta) esperienza storica milanese. “

 

Saranno in mostra circa 20 opere dell’artista pugliese di nascita ma milanese di adozione.  Dai “Mediterranei”,  opere in cui la superficie spesso polimaterica o monocroma dialoga con  i materiali assemblati,   agli “Intrecci” degli anni 60, lavori raffinati e  intrisi di memoria, fino alle “Dimore” , pitto-sculture  realizzate  con la sovrapposizione di stoffe, legni e pitture che ricordano le architetture contadine tipiche del Salento.

 

Ancora D’Avossa: “Da un altro versante Giovanni Fava riprende una esperienza dell’uso della scrittura che a partire dai primi anni Sessanta, diversamente utilizzata, irrompe nel campo della pittura e della scultura nei termini di materia scritta e disponibile alla lettura nei suoi più diversi significati e forme.

Quella di Giovanni Fava è un’ esperienza singolare fatta soprattutto di frammenti e parole che appartengono al suo pensiero, al suo vissuto visivo. Anche Fava, ma con un materiale più fragile come la carta, riannoda i fili di una pratica del ritaglio e della scrittura manuale che sono appartenuti e appartengono a grandi campioni della storia dell’arte contemporanea: Jiri  Kolar e Ben Vautier. In particolare il ritagliare piccole strisce di carta e riannodarle in volumi  e intrecci ci dispone ad una visione e lettura del corpo stesso della pittura e della scultura. Le parole diventano materia e atomi di un fare arte che non si arresta alla monocromia. La riscrive e la ritaglia in una zona visiva inesplorata e singolare.  E’ la compressione di questi pensieri a intrecciare corpo e mente della pittura e della scultura al medesimo tempo.  Insomma il corpo frammentato, tagliato, reciso, dissezionato della visione si ricompatta, si unisce e riunisce in una nuova realtà, dove l’azione del volgere lo sguardo verso il basso, verso la sua profondità, diventa risalimento alle declinazioni di una scrittura e di una forma antica e contemporanea al medesimo tempo.”

 

E’ declinando e coniugando al limite del possibile visivo che entrambi, Armando Marrocco e Giovanni Fava, riallacciano i frammenti di un insegnamento sconosciuto: quello dell’arte.

ELLEBI Galleria d’Arte
www.galleriaellebi.cominfo@galleriaellebi.com